Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento del sito ed utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Negando il consenso potrebbero non visualizzarsi alcuni contenuti.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione, acconsenti all’uso dei cookie. Privacy Policy

  •  Gli scopi  principali della consulta sono:

      • Stabilire un rapporto permanente con gli Enti pubblici per una collaborazione che individui il modo migliore per affrontare progressivamente i problemi riguardanti le persone con disabilità;
      • Favorire la coerenza tra i bisogni presenti sul territorio e la fornitura dei servizi più capillare possibile;
      • Promuovere tutte le iniziative volte al conseguimento dei diritti e delle pari opportunità, ivi compreso l’inserimento lavorativo mirato;
      • Promuovere la partecipazione dei cittadini all’amministrazione locale degli interventi nel settore dell’Handicap;
      • Contribuire alla realizzazione di un ambiente che garantisca ad ognuno l’esercizio autonomo di ogni attività indipendentemente dall’età, dalle caratteristiche psicofisiche e sensoriali;
      • Favorire il conseguimento dell’autodeterminazione personale delle persone disabili;
      • Promuovere l’integrazione delle persone con disabilità fisiche e psichiche e relazionali;
      • Perseguire gli indirizzi di intervento diretti alle persone disabili;

        Per il raggiungimento degli obiettivi indicati , la Consulta esprime:
      • Pareri preventivi, a richiesta o di propria iniziativa su atti comunali;
      • Proposte agli organi comunali per l’adozione di atti;
      • Proposte per l’istituzione, gestione e fruizione di servizi e beni comunali.

      La Consulta, inoltre, svolge attività cognitoria sugli atti dell’Amministrazione Comunale concernenti l’ambito delle disabilità.
  • Che cos’è la Consulta:  La delibera del Consiglio Comunale n.35 del 16.05.2008 ha provveduto all’istituzione della Consulta Comunale permanente sui problemi delle persone con disabilità e approvazione del regolamento che ne disciplina il funzionamento. La Consulta per le disabilità è l’organo tecnico di partecipazione, consultazione, dialogo e proposizione sulle attività e sui programmi riguardanti le persone con disabilità fisica, psichica e relazionale, i caregiver familiari e le famiglie.

  • Chi siamo

    Con determinazione n. 1259 del 18.08.2016 sono stati nominati i componenti della Consulta per le disabilità:
    - Tina De Michele (Presidente), Rappresentante disabile
    - Giovina Tomaciello (Vice Presidente), Associazione UICI Campobasso
    - Valeria Strada, Labor Dislessia
    - Associazione Termoli per i Bambini
    - Maria Grazia D’Onofrio, Direzione Scolastica Regionale
    - Ziccardi Lorena, Associazione FLY SPORT INAIL Molise
    - Giansalvo Monia, Rappresentante disabile
    - Orlando Gianfranco, Associazione P.A. l’Arca
    - Rosalba Del Sordo (asrem)
    Oltre ai membri  nominati, fanno parte di diritto  della Consulta l’Assessore alle Politiche Sociali o un suo delegato.

  • Cosa proponiamo

    In linea con la Convenzione Onu per i diritti delle persone con disabilità, firmata il 13 dicembre 2006, desideriamo una Termoli fruibile da tutti i cittadini, priva di barriere, con aree gioco destinate a tutti i bambini, a prescindere dalle condizioni fisiche e psichiche. Sappiamo bene che il grado di benessere e di felicità dei cittadini dipende anche e soprattutto dalla qualità dei servizi che le istituzioni sanno offrire.  Per questo, alcuni degli obiettivi immediati della consulta sono:
    - l’adozione del Piano di eliminazione delle barriere architettoniche;
    - la creazione di un’area di gioco inclusiva;
    - l’organizzazione di eventi ed incontri allo scopo di sensibilizzare ed informare  i cittadini sulle tematiche riguardanti la disabilità;
    - la creazione di una rete di collaborazione tra scuola/Asrem e Comune;
    - il potenziamento dei servizi offerti dal Comune per le persone con disabilità;
    - il miglioramento, attraverso strumenti di informazione e comunicazione semplici e diretti, l’accesso ai servizi per le persone con disabilità.

  •